11.6.24

Napoli, Vomero: “Incantevole Parco”: dal 9 al 23 giugno, tre spettacoli sul fascino e il mistero delle streghe al Parco Minopoli (ex Gasometro)

Nel mese di giugno, il Parco Minopoli, al viale Raffaello nel cuore del Vomero, si trasformerà in un luogo magico, con la Rassegna teatrale "Incantevole Parco", tre spettacoli imperdibili sul tema di riti, credenze e misteri legati al culto delle streghe a cura di Gente Green Aps in collaborazione con WWF Napoli.

La rassegna ha preso il via il 9 giugno con “E’ tempo di Incantesimi” una performance teatrale in cui si evocano antichi rituali pagani, incantesimi e leggende tramandate dalle testimonianze delle ultime streghe italiane. Ispirato al libro “Il Vangelo delle Streghe” (1886) di Charles Godfrey Leland, lo spettacolo è una fusione di stili e linguaggi artistici che si alternano in scena per creare atmosfere magiche e suggestive, capaci di catturare l'attenzione e l'immaginazione degli spettatori. Un viaggio attraverso riti e antichi segreti custoditi nel corso dei secoli, per riscoprire la bellezza dei saperi trasmessi di generazione in generazione. A completare lo spettacolo, una lectio sui culti pagani e sul tema del femminile magico e curativo.

9 giugno, ore 18. Repliche il 14 e 20 giugno ore 18. Regia di Guido Liotti. Dialoghi originali di Cristiana Buccarelli. Canzoni di Giovanna Panza, Chitarra Edo Puccini, Arpa Gianluca Rovinello, con Roberto Cervone, Anna Ragucci, Luisa Fazzari, Nunzia Loffredo. Danza e aiuto regia Marta Michetti. Effetti sonori Valentina Di Francia.

La rassegna prosegue il 16 giugno con "Le streghe di San Giovanni", una visita guidata teatralizzata ispirata ai racconti del folklore campano sulla bocca di “demoni” e “santi”. Danze evocative e suggestivi spettacoli di fuoco, faranno rivivere antiche superstizioni e credenze popolari. Protagoniste saranno “le streghe”, donne depositarie di saggezza e saperi magici che metteranno in scena riti propiziatori in un’atmosfera ricca di mistero e magia, avvolgendo gli spettatori in un'esperienza unica e indimenticabile. 

16 giugno ore 18. A cura de “La Chiave di Artemysia” di Livia Berté, con Keara Barassi, coreografia Claudia Esposito e Luisa Leone. 

La rassegna si conclude il 23 giugno con "Tutto è impossibile", uno spettacolo che esplora il tema della magia attraverso un viaggio emozionante e coinvolgente. Performance originali di teatro, danza e musica daranno vita a un mondo incantato, trasportando gli spettatori in luoghi lontani e fantastici dove nulla è impossibile e tutto è possibile. 

23 giugno ore 18.Un progetto di e con Roberta Misticone e Titti Nuzzolese. A cura di Im/perfetta Teatro Spettacolo..

Per info e prenotazioni: 

whatsapp: 3914143578; E-Mail: losguardochetrasforma@gmail.comgentegreenaps@gmail.com

19.5.24

Consegnate le firme della proposta di legge della rete Rigenera. Un approccio nuovo alla questione urbanistica e ambientale

Nel pomeriggio di giovedi 16 maggio sono state consegnate ufficialmente al Consiglio Regionale della Campania le 13mila firme a sostegno della proposta di legge urbanistica regionale di iniziativa popolare della rete “Rigenera”, di cui si è parlato ampiamente su queste pagine. La consegna è avvenuta alla presenza di una nutrita delegazione di attivisti della Rete, che hanno lavorato intensamente in questi mesi in moltissime città della Campania per raggiungere l’obiettivo delle 10mila firme, che è stato largamente superato.

Non è mancato qualche momento di tensione durante la consegna, poiché i funzionari regionali presenti hanno vietato agli attivisti della Rete di mostrare i cartelli con il logo di Rigenera davanti alle telecamere del TG3 Campania, in quanto, a loro parere, questo poteva essere utilizzato a fini politici in violazione della normativa che regolamenta la campagna elettorale in corso per le Europee. Dopo una breve discussione, peraltro risolta “pacificamente” e con spirito collaborativo da entrambe le parti, si è comunque proceduto alla consegna dei plichi.

Come è noto, la proposta di legge, che è stata redatta da esperti di alto profilo in materia urbanistica ma si basa anche sulla partecipazione popolare ai processi decisionali, punta sulla lotta al cambiamento climatico, sul blocco del dissennato consumo di suolo (che ne amplifica gli effetti devastanti), sulla riconversione ecologica dell’agricoltura e su decisi investimenti nelle energie rinnovabili.

La proposta ha visto l’adesione anche di numerosi Consigli comunali e dovrà passare all’esame del Consiglio regionale entro i prossimi 90 giorni.

Ciò che va ancora una volta sottolineato è la straordinaria portata innovativa di questa iniziativa. 
La rete Rigenera non si è aggregata non su una base ideologica - come troppo spesso avveniva in passato - ma su un approccio scientifico alla questione urbanistica e su contenuti ben definiti, che sono quelli di un governo del territorio non più condizionato da interessi di parte e che non abbia come fine il profitto immediato, il cui prezzo viene poi pagato dall’ambiente e dalla salute dei cittadini.

La visione di prospettiva, che vuole creare uno sviluppo sano senza distruggere le risorse naturali e paesaggistiche, non ha messo insieme partiti politici ma tanti pezzi di società civile, associazioni ambientaliste grandi e piccole, sindacati, esponenti del mondo universitario, piccole imprese e reti civiche. Infine, last but non least, la passione civile che ha dato vita a questo movimento è agli antipodi della visione autocratica del potere rappresentata dall’attuale governo della Regione, che di fatto nega qualsiasi possibilità di confronto con la società civile, approvando in pochi minuti e senza discussione una legge che, per molti aspetti, potrebbe creare danni irreversibili a medio e lungo termine, accentuando la cementificazione e la devastazione ambientale di una regione come la Campania, già tanto martoriata dalla speculazione, dalla ingordigia e dal malaffare.


Sergio Frattini

4.5.24

Il gioco delle tre carte: la ferma opposizione delle trenta e più organizzazioni alla nuova Legge di governo del territorio in Campania

Non si può che condividere in pieno la posizione fortemente critica e senza ambiguità, contro il Disegno di Legge della Giunta De Luca in materia di Governo del territorio, espressa nei Comunicati stampa di Fillea e delle 30 maggiori associazioni e organizzazioni che operano in campo ambientale, sociale, culturale ed edile in Campania, mai tra loro così compatte e propositive.
E’ una grande novità: forse, ai margini del vecchio, autoreferenziale, pensiero di Vincenzo De Luca,  in Campania sta sorgendo qualcosa di veramente nuovo ed importante.
 

Oggetto dell’aspra polemica, che da queste parti si protrae ormai da mesi, il fermo contrasto alla nuova legge approvata l’altro giorno in Consiglio regionale.
Adottata in fretta e furia dalla Giunta, nel mese di giugno, senza ascolto e senza consultazioni preventive, qualche giorno fa è stata approvata a maggioranza dal Consiglio dopo un ulteriore, immotivato diniego del Presidente della IV Commissione, all’ennesima reiterata richiesta delle Associazioni di rallentare l’iter di approvazione per insediare, vista l’importanza, la complessità e l’urgenza delle questioni trattate, un serio e agile  Tavolo di confronto e collaborazione con la società civile.
Una richiesta negata sempre da De Luca, senza alcuna spiegazione. Eppure si trattava di una Legge che ha trasformato in modo sostanziale la precedente norma di Governo del territorio, la n. 16 del 2004, con l’obbiettivo dichiarato, ma poi di fatto non perseguito nel testo, di limitare il consumo di suolo per contribuire ad affrontare i cambiamenti climatici incombenti e le loro conseguenze.
 
E proprio la forte discordanza tra ciò che il Disegno di Legge si proponeva nei suoi primi articoli e i reali contenuti dell’articolato approvato, che induce il mondo ambientalista, agricolo, sindacale e della piccola imprenditoria a definire la nuova legge non più solo inadeguata e inefficace ma addirittura “pericolosa”. Da cancellare radicalmente, insomma. E anche in fretta.
  
“E' il classico gioco delle 3 carte. Si dichiara una cosa ma se ne fa un’altra”
 
Questa la dura accusa. Norme sbagliate, “vecchie”, che non affrontano nessuna delle vere, gravi urgenze ambientali, economiche e sociali della Campania e non solo
I loro contenuti rispondono, alla vecchia maniera, più ai desiderata dei grandi costruttori edili campani e nazionali - affiancati da una parte del mondo accademico - che non alla urgente necessità di fornire le risposte concrete che tutti attendono per affrontare i serissimi mutamenti intervenuti progressivamente nell’ultimo trentennio nelle dinamiche geoclimatiche, sociali ed economiche.
Il rischio ulteriore é che questa legge neo-liberista, elettorale, di parte, approvata ieri nientedimeno che in trenta lunghi minuti di discussione, possa contaminare nei prossimi mesi anche altre regioni, non solo del sud.
 
Le piccole imprese edili e quelle artigiane, che in Campania costituiscono più del 90% del totale dei fatturati e degli addetti, sono solidali col movimento di opposizione e schierate in prima fila con gli ambientalisti di Legambiente, WWF, FIAB, Italia Nostra, Rete NoBOX, Marevivo e tanti altri.
Ma il fronte del dissenso in questa vicenda è molto più esteso e articolato: sono fermamente contro anche la CNA costruzioni, la Lega Coop, la CIA, la Confagricoltura, la CGIL Campania e le sue componenti FILLEA, SPI, SUNIA e Nuove Rigenerazioni.
Non ultimi gli studenti dell’UDU il cui diritto costituzionale allo studio e alla casa è intaccato pesantemente dai processi di gentrificazione in corso, innescati dal forte rilancio turistico della metropoli partenopea e sempre più soggetti a gravi fenomeni di espulsione progressiva da un centro storico riconosciuto dall’UNESCO nella lista del  Patrimonio mondiale dell’umanità proprio per la sua permanente, unica, millenaria, preziosa commistione tra storia, architettura, tradizioni e presenza sociale, popolare e universitaria.
Purtroppo, è opinione di tanti che la Legge Discepolo inciderà in modo fortemente negativo sul territorio, sulle comunità, sull'economia, sul futuro di Napoli e delle città campane. Insomma, si tratta di una cosa seria. 

Un esempio concreto: sarà molto più difficile perseguire il recupero e la rigenerazione territoriale, urbana, socio-economica e culturale e di quei preziosi centri urbani della congestionata e squalificata cintura metropolitana a nord e ad est della città, già fortemente offesi dall’urbanizzazione incontrollata e indiscriminata dei decenni scorsi e ora particolarmente esposti perché saldati in una enorme conurbazione senza soluzione di continuità e quasi senza più identità e memoria. Mi riferisco, più precisamente, agli ex casali ottocenteschi ad alta specializzazione agricola e manifatturiera della capitale borbonica, nei quali il poco suolo ancora permeabile, (Casavatore ha il 92% di aree impermeabilizzate) intercluso tra vaste aree edificate uscite miracolosamente indenni dallo scriteriato assalto edilizio della fine del secolo, rischia ora di essere oggetto di interventi diretti, invasivi, scoordinati, senza un Piano nè un progetto urbano. Quale idea di città e di metropoli sottende tutto ciò?
 
Questa nuova legge Discepolo punta dichiaratamente a “semplificare la pianificazione” utilizzando disinvoltamente gli incentivi, affidandoli alla "moneta urbanistica”. Consentendo, ad esempio, nel caso di un’azione di demolizione e ricostruzione di immobili dismessi o degradati, una premialità del 35% di aumento di cubatura in più. Ma per alcuni casi anche fino al 50%.
Una legge che permetterà a centinaia di capannoni industriali di essere oggetto di abbattimento e ricostruzione per fini prevalentemente residenziali - in una città che ha perso negli ultimi 20 anni più di 300.000 abitanti - col recupero totale della volumetria. Ne deriva il conseguente aumento della superficie coperta e quindi, ovviamente, di consumo di suolo.
 
Ma, quello che è più grave, è che sarà una legge che non affronterà, in nessuno dei suoi articoli, la nostra vera urgenza, ovvero la non più prorogabile transizione ecologica, con nuove idee e nuove regole che facilitino e incentivino le azioni di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici. 
Una legge che, tra l’altro, ha rimandato molte delle principali decisioni di contenuto e operative a un successivo Regolamento d'attuazione e che, quindi ha riservato alle riunioni di Giunta questioni primarie sottraendole al dibattito in Consiglio e, quel che è più grave, alla partecipazione formale e sostanziale dei cittadini.
 
“Questo DdL non e' emendabile. Non sapremmo da dove iniziare…”
hanno continuato a ripetere fino all’ultimo giorno i partecipanti al fronte del dissenso.
E' da settembre che proponiamo all’assessore, al presidente della IV Commissione consiliare, pacatamente, positivamente, l’insediamento di un Tavolo di Lavoro con la partecipazione di esperti e di soggetti collettivi interessati, per discuterne. Per chiudere il testo insieme, presto e bene. Si poteva fare  anche in un solo mese.
Perché, sia ben chiaro a tutti, noi non siamo quelli del NO ideologico. Sull’esigenza di aggiornare urgentemente la L.R. 16, scritta nel lontanissimo 2004, e sulle premesse contenute nel DdL, eravamo tutti d’accordo.”
 
Ma ormai è evidente a tutti che l'accordo sui contenuti e gli obiettivi della legge non è di ieri: e' stato chiuso da mesi ascoltando, sin dai primi giorni, solo il settore delle  grandi costruzioni e, nell’ultima fase, le opposizioni di destra che nel voto si sono astenute. Relegando di fatto, invece, il confronto richiesto dal mondo sindacale, associativo, ambientalista, agricolo, e persino industriale, alle sole procedure di osservazioni in commissione urbanistica che prevedono solo la possibilità di esprimere inefficaci, singoli emendamenti.
 
Un diverso maxi emendamento alla Legge 16/04
A questo quadro, confuso e inadeguato, si contrappongono adesso due interessanti e innovative iniziative di protesta, ancora una volta costruttiva, del mondo sindacale e associativo:
a) Una profonda riscrittura, alternativa, dal basso, di modifica della 16/04 per  contrastare davvero il consumo di suolo, curata dai massimi esperti delle trenta associazioni che hanno deciso due mesi fa, provocatoriamente , di autoconvocarsi e di insediare, comunque, autonomamente  il Tavolo sulla legge negato, per produrre autonomamente e in tempi brevissimi, un testo alternativo.
Per dimostrare concretamente di essere quelli dei sì e dei presto, in contrasto alle false accuse di inconsistenza e astrattezza.
“Per una nuova e moderna legge di governo del territorio” questo il titolo del  testo ombra, che si dichiara palesemente e organicamente alternativo al maxi-emendamento. Un testo normativo elaborato puntando a rappresentare "una chiara e concreta proposta organica alternativa”, che sarà presentata pubblicamente a breve dopo un’ampia consultazione con Istituzioni e cittadini.
Insomma un atto tecnico-scientifico ma anche squisitamente Politico che viene offerto a tutta la Comunità campana.
 
b) Parallelamente è in corso di ultimazione la raccolta firme di adesione a una ulteriore Proposta di Legge popolare, complementare alla precedente, che ne integra la Visione ad altri settori, tesa in questo caso al contrasto integrato ai cambiamenti climatici e all’adattamento agli effetti degli stessi nei territori. 


Questa Proposta di Legge popolare, è stata elaborata e promossa negli scorsi mesi dal neonato Movimento Rigenera Campania - e vede la partecipazione di molti firmatari dell’altro documento - il quale, con l’aggregazione di altre piccole e grandi associazioni come Libera, ANPI o Slow Food, richiamando un articolo dello Statuto regionale ha mobilitato ormai decine di migliaia di cittadini su tutto il territorio regionale, in una prima fase per la scrittura e ora per la raccolta delle firme di adesione formale richiesta dallo Statuto.
La Proposta di legge di Rigenera Campania, ad oggi, ha già raccolto, in poco più di un mese e mezzo, quasi 9000 delle 10.000 firme certificate necessarie. Ma ha anche già raccolto il voto favorevole di ben 14 consigli comunali (altri si stanno via via aggiungendo), tra cui quello di Avellino, città capoluogo. Tutti fattori che, ai sensi dello Statuto regionale, renderanno obbligatoria la discussione delle due proposte popolari complementari tra loro e alternative al DdL De Luca, in Consiglio Regionale.
 
Concludendo:
al di là del brutto voto del Consiglio regionale dell’altro giorno, è in atto in Campania, fuori dalle stanze di governo, un grande processo democratico.
In fondo, si sta solo chiedendo da mesi alla Istituzione regionale un Tavolo di lavoro per partecipare, per risolvere insieme, Istituzioni e cittadini, problemi cruciali per i nostri territori e per il nostro futuro.
Per creare le regole giuste per Ri-generare le città e i territori, per predisporli a contrastare le cause e gli effetti dei cambiamenti climatici.
La domanda che sorge spontanea è: perché ciò sia stato fino all’ultimo negato.
 
Il fatto nuovo è che i cittadini si stanno rendendo conto che la PARTECIPAZIONE al giorno d’oggi NON E’ PIU’ SOLO UN DIRITTO, MA SOPRATTUTTO UN DOVERE.
E che il senso di tutto ciò sta nel grande entusiasmo che si legge negli occhi dei tanti giovani che stanno partecipando alla mobilitazione.
Loro vogliono provare a FARE qualcosa di concreto per bloccare, in tutti i modi, le conseguenze, ormai già visibili, dei cambiamenti climatici.
E, proprio per questo, non se ne fanno nulla, ma proprio nulla, di questa legge di De Luca.


Francesco Escalona
architetto ed urbanista
Presidente di Nuove Rigenerazioni Campania

23.4.24

Insula San Domenico per un turismo sostenibile: Maggio Botteghe Aperte

Napoli, 23 aprile 2024

Oggi presso il Caffè Letterario DOM Santi Bevitori è stato presentato il progetto "Insula San Domenico" per il turismo sostenibile e il programma delle iniziative a cura dell'Insula San Domenico: Maggio Botteghe Aperte. L'evento si è svolto con la partecipazione del presidente della Commissione Cultura e Turismo, Luigi Carbone, il Consigliere del Sindaco per il Patrimonio Culturale Diffuso, Francesca Amirante, l'Assessore alle Attività Produttive e Turismo della Municipalità 2, Lorenzo Iorio, la Preside dell'Istituto Casanova Mira Masillo, e Carmine Maturo, presidente dell'Associazione Gentle Green Events e portavoce dell'Insula San Domenico.

Le istituzioni presenti hanno accolto con favore l'iniziativa e offerto il loro supporto, mentre con la Municipalità 2 è in corso la stesura di un protocollo d'intesa per garantire una maggiore vivibilità nel quadrilatero dell'Insula, in particolare il Presidente Carbone ha sottolineato la concretezza del progetto “spesso la sostenibilità e l'identità sono solo parole, qui si respirano nelle botteghe e nelle iniziative”

L'Insula San Domenico Maggiore rappresenta un coordinamento di associazioni, artisti, artigiani e soggetti indipendenti che si sono uniti per promuovere un turismo sostenibile e responsabile nel cuore pulsante del Centro Antico della città, contrastando l'approccio superficiale e dannoso del turismo di massa.

Con 20 soggetti distribuiti nel suggestivo quadrilatero di vico San Domenico, Vicoletto San Domenico e Via Raimondo de Sangro, l'Insula mira a diffondere cultura, arte e sostenibilità attraverso una vasta gamma di attività artistiche, culturali e prodotti artigianali intrisi di identità e tradizione.

L'obiettivo primario è offrire un'esperienza turistica di qualità che sia rispettosa della vita locale e del Centro Storico, collaborando attivamente con l'Amministrazione Comunale per sviluppare un modello di turismo sostenibile.

Durante il mese di maggio, l'Insula San Domenico presenta una ricca serie di appuntamenti pensati per arricchire l'esperienza dei visitatori e coinvolgere la comunità locale. Laboratori artigianali, mostre d'arte, aperitivi, visite guidate e momenti di animazione per i più piccoli offriranno un'opportunità straordinaria di immergersi nella bellezza, nella cultura e nella tradizione di questo incantevole luogo e delle botteghe. 

Inoltre, l'Istituto Casanova con i suoi alunni e docenti contribuirà alla valorizzazione dell'Insula San Domenico attraverso un progetto speciale, documentando gli eventi e le attività per creare un video celebrativo che promuoverà la conservazione del patrimonio culturale e artistico.

Insula San Domenico: Maggio Botteghe Aperte è un'occasione unica per vivere un'esperienza autentica, contribuendo così alla creazione di un futuro turistico più sostenibile e inclusivo per l'intera città.


Calendario degli appuntamenti:

Tutto il mese di maggio
LAB25 - Via Raimondo de Sangro di Sansevero, 25
Esposizione di oggetti di ceramica e pelle con il tema dell'acqua come legame, dalle figure simboliche come pesci e sirene a personaggi come Colapesce e Pulcinella acquaiolo fino a giungere alle Mummare e mummarelle rappresentazione di citazioni dirette sulla storia vera della città di Napoli. La mostra, durante tutto il mese di maggio, offre una riflessione sulle connessioni tra materia e manualità.

Tutto il mese di maggio
Caffè letterario Dom Santi Bevitori - Vico san Domenico Maggiore, 16
Mostra di Mario Coppola: I monumenti di Napoli, Gioielli della Città.
A cura di Carmine Maturo
Offerta gastronomica di prodotti Bio e a Km 0 a colazione, a pranzo e a cena.
 
Tutti i w.e. di maggio
Vico San Domenico Maggiore, 2
Acqua, carta e colla, sono i materiali di Teresa Cervo.
L'artista vi accoglierà nella sua casa/studio, tra i suoi lavori per raccontarvi l'incanto e la fatica della
carta pesta. Info: wa 3200988670
 
sab 4, 18, 25 maggio e dom 05, 19, 26 maggio (h10-12)
Vico San Domenico Maggiore, 2
Open studio Studio Cervo
Info: wa 3887615368
 
Sabato 4 maggio
Tentakoli Vicoletto San Domenico Maggiore, 8
Il sabato che precede la prima domenica di Maggio avviene il primo prodigio della Liquefazione del sangue di San Gennaro. Per questa occasione Tentakoli ospita una piccola mostra fotografica di Raimondo Fiorenza, scatti d'autore attraverso i quali Tentakoli racconta com'è nata la serie esclusiva di gioielli in resina FACCIA GIALLA©, ispirata al Santo Patrono.
 
Sabato 4 maggio
La Biscotteria 3 Gufetti sul Comò - Vicoletto S. Domenico Maggiore, 2 ospiterà in Bottega alcuni
tra i propri fornitori: questi presenteranno la propria azienda e i propri prodotti illustrandone caratteristiche e fasi di produzione e proporranno, laddove possibile, una piccola degustazione.
Per prenotazioni ed informazioni cell. 3409937760
 
Sabato 4 maggio
DOM Santi Bevitori - Vico San Domenico Maggiore, 16
World Laughter Day, la Giornata Mondiale della Risata
A cura dell'Associazione Nazionale Yoga della Risata e Gentle Green Events
 
Giovedì 9 maggio
Interno Napoletano Vicoletto S. Domenico Maggiore, 3 -Presenterà nuovi modelli e colori della
Collezione Appendiabiti (torniture in legno) ormai un Icona del nostro spazio , e vi racconteremo
come sono nati , cosa ci ha ispirato nelle loro forme e Perché abbia deciso di colorarli a mano ..
Nello stesso giorno faremo un Aperitivo ore 19.00 con i vini di Cantina Giardino (Vini Naturali ) e
presenteremo due nuove collezione a sorpresa di Alcuni designer che collaborano con noi ormai da
lungo tempo.
 
Giovedi 9 maggio
kiphy saponi
Vico San Domenico Maggiore
Dimostrazione e partecipazione di creazione di saponi artigianali naturali e profumi artigianali.
Info - 0816583773
 
Sabato 11 maggio ore 11,00
Bibi Libreria dei Ragazzi in collaborazione con 3 gufetti sul comò - via Raimondo de Sangro di Sansevero, 6
Un amore immenso come loceano
Lettura con merenda destinato alle mamme e ai loro cuccioli
Contributo di partecipazione, prenotazione obbligatoria: Whatsapp 351 6747477
 
11 maggio 11,00 12,00
LAB25 - Via Raimondo de Sangro di Sansevero, 25
Laboratorio nel corso del quale si spiegheranno le caratteristiche storiche, culturali e artistiche dell'acqua Suffregna, dell'acquaiolo e dell' acquafrescaio e delle Mummarelle anche attraverso una dimostrazione pratica della loro lavorazione.
 
24/25/26 maggio ore 16:00
DOMA Basilica di San Domenico Maggiore
“Alla Fonte di San Domenico Maggiore
Visita Guidata Insula San Domenico e Complesso Monumentale.
Info e prenotazioni: wa 3338638997
 
16 maggio
Gek creations - Vicoletto S. Domenico Maggiore, 6
Dimostrazione della realizzazione di una borsa partendo dalla materia prima, la pelle, al prodotto finito mostrando i vari passaggi della lavorazione e la storia del laboratorio. Sarà possibile conoscere in anteprima alcuni dei modelli della collezione estiva.
Per info e prenotazione 3348377122
 
Venerdì 24 maggio
JIJILOVEMADE - Via Raimonde De Sangro, 10 - ore 18
Presentazione di due nuovi modelli che andranno ad arricchire la sua collezione di borse artigianali in tessuto e pellami. Sarà loccasione per conoscere e toccare con mano il concept e il processo creativo e produttivo che c’è dietro la creazione delle sue produzioni, che sono tutte dei pezzi unici realizzati qui in città.
 
Venerdì 24 maggio ore 19,30
DOM Santi Bevitori Wine&Thecity
Proposta di un nuovo aperitivo (anche vegetariano)
Vico San Domenico Maggiore, 16
ore 21,30

Sing 'O Swing - Whisky Duo
Un duo che omaggia lo Swing italiano in tutte le sue essenze: dalle "canzonette" degli anni Quaranta a "Whisky Facile" di Fred Buscaglione, in pieno stile dell'epoca.
Andrea Parente: chitarra & voce
Emanuele Palomba: clarinetto & sassofono

26.3.24

"Zona urbanizzata"? Ma ci faccia il piacere!

Quando la gente chiede in gran numero, con interesse e passione, di partecipare davvero a scelte fondamentali come quelle in itinere sul governo del territorio, coinvolgendo  le proprie forme associate, le Istituzioni debbono rallentare, ascoltare. Nel caso debbono modificare, anche sostanzialmente, il disegno, peraltro palesemente tracciato da pochi.

La nostra istituzione regionale, invece, cosa fa? Accelera.

La IV Commissione approva a maggioranza, con l'astensione delle destre e l'opposizione ferma dei 5S, norme urbanistiche concordate tra pochi.

Adesso salirà il livello della protesta e...PERDEREMO TEMPO PREZIOSO.

Spero davvero  che, nei prossimi giorni se ne rendano conto e correggano contenuti e atteggiamento: la crisi climatica non ci aspetta e non è proprio più il  tempo di consumare tempo, territorio, paesaggio e risorse esauribili.

Il tempo del consumismo ingordo volge a termine.

Francesco Escalona

La foto "Vigneto urbano" è di Francesco Escalona  ed è stata scattata presso le Cantine "La Sibilla" di Bacoli.

28.2.24

I cancelli alla Galleria Umberto: una sconfitta per la città

La decisione di installare i cancelli alla Galleria Umberto è un passo indietro per la città. Piuttosto che affrontare le radici dei problemi di sicurezza e gestione, le autorità hanno optato per una soluzione semplicistica che penalizza l'immagine della città e offende la bellezza e la funzione che il Monumento rappresenta.

Chiudere i cancelli non risolve i problemi di illegalità e comportamenti indesiderati, ma forse li sposta altrove. È una mera illusione di sicurezza che non affronta le cause profonde del disagio sociale che affligge la città.

Anche la Villa Comunale sembrava che senza i cancelli non si potesse tutelare. L'abbandono invece è stato progressivo nonostante i cancelli.

Invece di isolare e dividere, le istituzioni dovrebbero concentrarsi su soluzioni inclusive che coinvolgano la comunità locale, promuovendo un senso di appartenenza e responsabilità condivisa. Chiudere i cancelli è un segnale di mancanza di fiducia nella capacità di una parte della città di affrontare le sfide sociali in modo costruttivo e partecipativo.

La Galleria Umberto dovrebbe essere un centro di vita e cultura diurna e notturna che riflette la diversità e l'inclusione della nostra città. Chiudere i cancelli va contro questo principio fondamentale, trasformando un simbolo di aggregazione in un simbolo di divieto.

Bisognerebbe tornare al tavolo delle discussioni e lavorare insieme alla comunità per sviluppare soluzioni efficaci e sostenibili che affrontino veramente i problemi alla radice. Solo così la Galleria Umberto potrà tornare a essere un luogo di incontro e prosperità per tutti i cittadini.

I cancelli alla Galleria saranno il simbolo del fallimento di chi doveva garantirle la sicurezza e il decoro.


Carmine Maturo


9.2.24

Associazioni di categoria, ambientalisti e sindacati: insieme per una nuova legge di governo del territorio in Campania

Oggi presso il dipartimento di Architettura si è tenuta una grande giornata di confronto democratico, di idee e di partecipazione tra le associazioni ambientaliste e di tutela del paesaggio, organizzazioni sociali e sindacali autoconvocatesi, ancora una volta, in opposizione al DDL di modifica della legge 16/04. L’intento, scaturito dall’incontro, è stato quello di lavorare insieme per elaborare una nuova e moderna legge di governo del territorio in Campania.

La proposta, articolata collettivamente nell’corso dell’intera giornata, per una nuova e moderna legge, grazie alla convinta adesione dei livelli nazionali, è così divenuta di interesse nazionale. La loro presenza, infatti, ha consentito di inquadrare la problematica campana nel più generale scenario nazionale e comunitario, sottolineando l’enorme distanza tra i contenuti e i reali obiettivi del DDL e le urgenze costituite dai repentini cambiamenti climatici e dalle tante opportunità offerte dalla visione strategica del green deal e della transizione ecologica.

Si è così raggiunta tra associazioni ambientaliste, di categoria, sindacali e sociali, una condivisione di opinioni ed una convergenza di obiettivi nell’unanime volontà di proseguire i lavori nell’elaborazione della legge da parte di soggetti promotori e di quelli che man mano, anche oggi, hanno aderito.

A conclusione della giornata democratica di confronto e di partecipazione è stato istituito un Tavolo di lavoro che avrà come obiettivo la scrittura di una nuova e moderna legge di governo del territorio per una rigenerazione urbana e territoriale, adeguata ai temi posti dai cambiamenti climatici e alle tante urgenti e improrogabili esigenze ecologiche, ambientali e socio-economiche della Campania.

La nuova legge, che dovrà fondarsi sulla partecipazione collettiva, si proporrà tra l’altro di:

  •           non confliggere con le norme costituzionali inerenti alla tutela del paesaggio e della biodiversità;
  •      azzerare concretamente e in tempi ravvicinati il consumo di suolo, salvaguardando il territorio naturale e coltivato, anche all’interno dei perimetri urbani e delle aree intercluse che contengono ancora suolo vivo;
  •       integrare la pianificazione territoriale con quella paesaggistica;
  •           procedere ad una riorganizzazione politico-amministrativa dell’armatura urbana regionale;
  •      garantire il risanamento dell’ambiente, nonché il ripristino degli ecosistemi naturali, terrestri e marini, in particolar modo di tutti gli interventi in aree SIN e SIR (Siti di Interesse Nazionale e Regionale);
  •       salvaguardare i centri storici, favorendo il recupero del patrimonio culturale in essi racchiuso
  •     affrontare e contrastare normativamente i fenomeni di gentrificazione e di espulsione degli abitanti, degli studenti, degli artigiani e del commercio storico dalle aree centrali, indotta da processi speculativi basati sull’incremento della rendita immobiliare;
  •        promuovere una rigenerazione urbana, territoriale e ambientale che non si limiti ad aspetti edilizi, ma che dia soprattutto risposte ai bisogni sociali, culturali ed economici delle comunità insediate, garantendo nel contempo nuova occupazione stabile, di qualità e sicura, soprattutto alle fasce giovanili.

Il Tavolo di lavoro istituito oggi, con questa straordinaria partecipazione, forse mai registrata prima in Campania, sarà un Tavolo permanente. Oltre alle nuove adesioni, acquisite durante la giornata, resterà aperto al contributo di cittadini, associazioni, rappresentanze di categorie ed istituzioni, che saranno concretamente interessate al benessere sociale dei cittadini, delle città e del territorio della Campania.

Primo appuntamento del Tavolo di lavoro sarà una prossima autoconvocazione presso la sede del Consiglio Regionale a cui, come per la giornata di oggi, saranno invitate tutte le rappresentanze istituzionali deputate all’approvazione della legge.

ADA Donne Architetto – A.N.F.S.U. (Associazione nazionale di filosofia e scienze umane) - A.N.T.A.R.E.S. - AIR, Architetti in Rete - ARCI Campania – Associazione Amici di Ideacittà - Ass. Marco Mascagna – Associazione Percorsi Napoletani - CGIL Campania - Casartigiani Campania - CIA Campania - Confartigianato - CNA Costruzioni Campania - FIAB - Fillea CGIL Campania - FLAI CGIL Campania - Gente GREEN - Gentle Green Events - Italia Nostra - Legambiente - MaiPiùAmianto - Nu.Ri.Ge. Nuove Ri-Generazioni – RETE Set - Rete Sociale No Box - Rigenera Campania - SPI CGIL Campania - UDU - VAS -WWF Italia.

6.2.24

COMUNICATO STAMPA - Giornata di mobilitazione 08/02/2024

Il giorno 8 febbraio 2024, presso la sede del DIARC, via Forno vecchio, 4 , si terrà una

GIORNATA DI MOBILITAZIONE

Una Conferenza Stampa e un Tavolo di lavoro per chiedere alla Giunta Regionale una nuova e moderna legge di Governo del Territorio.
 
Ancora una volta l’associazionismo ambientalista e di tutela del paesaggio e organizzazioni sociali, sindacali operanti sul territorio si apriranno al confronto con le istituzioni, gli stakeholder, i cittadini e i media per l’istituzione di un Tavolo di Lavoro per l’elaborazione di una nuova e moderna Legge Urbanistica che integri la pianificazione territoriale con quella paesaggistica ed esalti il ruolo strategico della pianificazione e dei processi partecipativi, nell’ottica della Transizione Ecologica.
Questa giornata di mobilitazione vedrà la partecipazione dei vertici delle associazioni di carattere nazionale per testimoniare il loro supporto alle rappresentanze regionali e locali e al variegato mondo associativo che dall’estate scorsa si è mobilitato contro il Disegno di legge: "Modifiche alla L.R. Campania n. 16/2004, recante Norme sul Governo del Territorio".
 
Antefatto:
Il 23 novembre 2023, associazioni ambientaliste, sindacali e sociali furono promotrici di un  Sit-In di protesta presso il Consiglio Regionale del Centro Direzionale.  Nonostante le proibitive condizioni del tempo date da un fortissimo vento, fecero sventolare le bandiere della protesta contro il provvedimento di modifica della Legge Regionale di Governo del territorio n.16 del 2004.
Fu una giornata di manifestazione democratica per esplicitare meglio i motivi del forte dissenso al DdL approvato in Giunta Regionale nel giugno scorso e in procinto di essere discusso nell’aula consiliare.
Una delegazione delle associazioni, fu infine  ricevuta da alcuni consiglieri regionali, nonché dal presidente della IV^ Commissione Consiliare, on. Luca Cascone, che in conclusione dell’incontro, assicurò che alla conclusione dei lavori della Commissione da lui presieduta, avrebbe convocato confronto preventivo sul maxi emendamento licenziato e che nel contempo si sarebbe fatto portavoce nei confronti dell’Assessore all’Urbanistica Bruno Discepolo, affinché, anche in fase di discussione del Regolamento di attuazione, le stesse associazioni fossero coinvolte in un percorso di confronto e condivisione dello stesso.
I due provvedimenti, assicurò Cascone, legge di modifica e regolamento di attuazione, come richiesto dalle Associazioni, avrebbero proceduto di pari passo, anche in considerazione del fatto che la legge di modifica della L.R. 16/2004 sarebbe priva di efficacia senza il regolamento di attuazione approvato.
Son passati ormai più di due mesi ma non ci è stato ancora trasmesso ufficialmente il testo del maxi-emendamento annunciato, nè abbiamo notizia dell’Istituzione del Tavolo di confronto sulla Legge, nè tanto meno quello sul Regolamento.
Anzi.
Voci insistenti circolano in merito alla volontà del Presidente della IV Commissione di inviare il testo col maxi-emendamento annunciato, e ancora misterioso, senza istituire quel momento di dialogo e di confronto annunciato il 23 novembre e senza il testo del regolamento d’attuazione preannunciato.
 
Per questa ragione le sottoscritte Associazioni e Organizzazioni, preoccupate del tempo che scorre, hanno deciso di riprendere la contestazione indicendo una
GIORNATA DI MOBILITAZIONE CONTRO L’ATTUALE DISEGNO DI LEGGE DI MODIFICA DELLA L.16/84, per il giorno GIOVEDI 8 FEBBRAIO 2024 presso la sede del DIARC, via Forno vecchio 4.
Si sono progressivamente aggiunte alla protesta molte altre sigle di Associazioni e Organizzazioni ambientaliste, sindacali e adesso del mondo dell’agricoltura, CHE SONO STATE INVITATE A INTERVENIRE.

ADA Donne Architetto
A.N.T.A.R.E.S.
AIR, Architetti in Rete
ARCI Campania
Ass. Marco Mascagna
CGIL Campania
CNA Costruzioni Campania
Casartigiani Campania
Confagricoltura
FIAB
Fillea CGIL Campania
FLAI CGIL Campania
Gente GREEN
Gente Green Events
Italia Nostra
Legambiente
MaiPiùAmianto
Nu.Ri.Ge. Nuove Rigenerazioni
Rete Sociale No Box
Rigenera Campania
SPI CGIL Campania
UDU
VAS
WWF Italia ETS

2.2.24

"COME LA LUCE DELL'ALBA" di Pio Russo Krauss: un racconto sincero sulla necessità di difendere la Bellezza del nostro territorio e dare respiro all’Amore sincero per l'altro.


In “Come  la luce dell’Alba” il tratto autobiografico e la finzione del romanzo si presentano in un interessantissima miscela. La storia, ambientata esattamente 50 anni fa, parla con forza al nostro tempo anche  se il contesto locale e nazionale descritto con precisione ci riporta a quegli anni come un esperienza profondamente immersiva. Il romanzo avvincente con una densa struttura  che incuriosisce ed emoziona fino alle ultime pagine grazie anche ad un parterre di personaggi per niente banali  risulta al contempo quasi un compendio, applicato al nostro territorio, dei contenuti dell’enciclica “ Laudato Si” di Papa Francesco. L’autore non a caso è da sempre impegnato in ambito sociale ambientalista ed ecclesiale ed ovviamente affida molto della sua esperienza di vita a diversi personaggi immaginari  e non solo al protagonista.

In una Chiesa ancorata a vecchie logiche di potere a braccetto con la DC, nei mesi del  referendum per il divorzio, durante la crisi petrolifera e la caduta di Franco in Spagna quasi per inerzia, siamo a cavallo tra ’73 e ’74, Sergio, un giovane prete agostiniano colto e coraggioso, compie una piccola rivoluzione collettiva ed infine profondamente  personale in una sconosciuta periferia di Napoli occidentale. La storia infatti è ambientata nel quartiere di Pianura che in quegli anni, ma per certi versi ancora adesso, si caratterizza per la ruralità. 

I mostri da combattere fin da subito sono tanti, una Camorra a braccetto con una pessima borghesia e tollerata nei fatti anche dai governanti della città, pronta a sventrare  per sempre quel territorio scacciando i suoi indifesi ospiti contadini, il vero presidio della bellezza di quel territorio oltre ad una piccola comunità ancora più debole; un tema nel tema sulle tolleranze e la conoscenza ed il rispetto dell’altro. Si aggiungono, seguendo la narrazione, il tema dell’ignavia che a volte si sviluppa in buona fede ma può creare danni irreparabili, quello del dogma della Chiesa che non aiuta l’applicazione della vera parola del Cristo oltre ad  un tema scabroso trattato con molta sensibilità e saggezza dall’autore.

Sullo sfondo della vicenda che si dipana in pochi mesi  sentiamo sempre il respiro della natura e le sue stagioni ancora ben definite in quei tempi con un autunno avvolgente, un inverno cupissimo e piovoso ed una primavera che stenta ad arrivare ma che esploderà con tutto il suo Amore nel finale.

L’effetto devastante alla base del racconto, personalmente l’ho potuto osservare direttamente sul luogo nell’immediato post-terremoto. In quella fase l’argine sul dilagare della speculazione edilizia che i protagonisti della storia difendevano insieme a WWF e Italia Nostra con un Antonio Iannello, unico omaggiato con una sua presenza reale oltre al Sindaco dell’epoca, ed una Coldiretti ed il Partito Comunista soggetti che risultavano  ancora un riferimento utile, si ruppe quasi definitivamente.

Oggi non è tutto perduto a ben vedere qualche brano di quella ruralità di qualità resiste ancora e va fortemente tutelato. Il romanzo di Pio fa venire voglia di combattere con saggezza ancora. E’ forte L’impatto alla lettura per chi di noi si è mosso  per la tutela del nostro territorio ma  sono sicuro che per i temi trattati e l’ottima scrittura appassionerà quasi tutti i lettori.

Pio Russo Krauss, medico educatore in ambito sanitario ed ambientale con un forte impegno in ambito sociale ed ecclesiale, é stato presidente del Centro Culturale Giovanile, militante di associazioni ambientali e e pacifiste. E' attualmente il Presidente dell’Associazione "Marco Mascagna".

Il libro è edito da La Valle del Tempo, Napoli. 

Guido Liotti

27.1.24

COMUNICATO STAMPA: DONNE IN CAMMINO PER LA PACE


Il 27 gennaio 2024 si terrà la terza azione delle Donne in Cammino per la Pace di Brescia.
Il primo cammino del 4 novembre 2023 ha messo distanza tra il luogo simbolo dell’antifascismo e del rifiuto delle guerre, la piazza della Loggia di Brescia, e un luogo di aggressione e di morte, la base militare di Ghedi.
Con il secondo cammino del 6 dicembre ci siamo incontrate e scambiate il testimone, lo straccio di Pace, in Piazza della Loggia, dopo esser partite, come le donne del mondo, da luoghi differenti.
Nel nostro terzo cammino, il 27 gennaio, saremo protagoniste in molti paesi della provincia e della città con l'urlo CESSATE IL FUOCO! Ciascuna di noi nel giorno della memoria esprime la propria opposizione ai vecchi e nuovi genocidi nel mondo.
IL SILENZIO ci interroga e mette in pausa il frastuono delle guerre consumate sui corpi dei più fragili.
LO STRACCIO BIANCO appeso al braccio è simbolo ereditato dalle proteste contro la guerre e, nella sua semplicità, dice la grandezza di un gesto di pace.
L’ABITO NERO è simbolo del lutto , non più passivo e privato, delle donne, impegnate nel potente rifiuto delle logiche di morte.
I NOSTRI CORPI, presenti nei principali luoghi pubblici e in diverse località, sono segno concreto di umanità e comunanza.
Le Donne in Cammino per la Pace hanno raccolto il testimone di due associazioni pacifiste e femministe: Woman Wage Peace di Israele e Women of the Sun di Palestina.
Donne in Cammino è una rete di donne accomunate dall’urgenza di chiedere un immediato CESSATE IL FUOCO.
Non utilizziamo loghi identitari, simboli e bandiere che rappresentino appartenenze politiche, religiose, sindacali o associative perché ciascuna di noi si esprime singolarmente in comunanza con tutte.

DONNE IN CAMMINO PER LA PACE, Brescia


20.1.24

Il Complesso Termale del Solaro, un‘opera di architettura razionalista da tutelare

La decisione della Regione di realizzare un nuovo Ospedale sui resti del Complesso Termale del Solaro a Castellammare di Stabia dovrebbe essere oggetto di una maggiore attenzione da parte dei media, della classe politica e della stessa opinione pubblica. Il tema non è relativo solo al riassetto del sistema ospedaliero, con una scelta non supportata da nessun strumento di pianificazione, ma coinvolge anche altri aspetti. Tra i tanti, quale visione strategica del territorio giustifica un ospedale e non un’altra funzione? Quale approccio culturale si ha nei confronti della storia e delle espressioni culturali del nostro territorio, con particolare riferimento ad esempi rilevanti di architettura razionalista, come nel caso delle Terme del Solaro?

La decisione della Regione (alla quale va il merito di aver acquisito il Complesso al patrimonio pubblico) dovrebbe derivare dal confronto di più alternative progettuali, i cui risultati dovrebbero essere resi pubblici. Altrimenti è lecito chiedersi se sia giusto spendere 180 milioni di euro per la realizzazione di un ospedale e non invece per il rilancio del Complesso termale e se tale scelta sia in sintonia con le ambizioni turistiche della città, con il rischio di trasformarsi da occasione di uno sviluppo di qualità ad un suo freno. Altra domanda: preventivamente si è tenuto conto della compatibilità delle funzioni sanitarie con le caratteristiche architettoniche di pregio del Complesso Termale o si è ritenuto questo aspetto “ininfluente” rispetto ad una decisione presa a monte? Ancora, lo stato di degrado a cui è stato colpevolmente ridotta l’opera è un valido motivo per la sua demolizione o non dovrebbe essere una ragione per il suo restauro architettonico? Le notizie riportate sulla stampa sembrano invece evidenziare che il Complesso delle Terme del Solaro sia ritenuto solo un fastidioso ostacolo da rimuovere (addirittura entro l’estate) per dare spazio al nuovo Ospedale.

Eppure, eppure, le Terme del Solaro rappresentano uno degli esempi piu’ significativi dell’architettura razionalista in Italia. Opera di architetti di grande spessore come Carlo Cocchia (Stadio san Paolo, Mostra d’Oltremare), Franco Iossa, Alfredo Sbriziolo, Gerardo Mazziotti. Nei corsi di progettazione delle facoltà di Architettura il Complesso delle Terme viene studiato non solo per il suo valore intrinseco ma anche per i riferimenti alla cultura architettonica europea (Alvar Aalto nell’edificio di Sbriziolo). La Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura, nel suo censimento delle architetture italiane, dedica una specifica scheda al “Complesso Termale del Solaro” (https://censimentoarchitetturecontemporanee.cultura.gov.it/scheda-opera?id=4076) il cui progetto, fra l’altro, fu vincitore di un Concorso internazionale di progettazione. Nella stessa scheda sono riportate ulteriori motivazioni che ne giustificano l’inserimento tra le “architetture italiane” e precisamente: 

1. L’opera è citata in molti studi storico-sistematici sull’architettura contemporanea di livello nazionale e internazionale; 

2. L’opera è stata progettata da una figura di rilievo nel panorama dell’architettura nazionale e/o internazionale 
3. L’opera di architettura si segnala per il particolare valore qualitativo all’interno del contesto urbano in cui è realizzata. 

Infine, la bibliografia dedicata all’Opera è vastissima (es. Architettura: Cronache e storia di B. Zevi, n. 119 del 5.9.1965) e l’opera è riportata tra “I luoghi del cuore” del F.A.I.

In questo scenario, a fronte di tanta “sostanza”, non abbiamo dubbi che la Soprintendenza vorrà intervenire per salvaguardare un'opera che è inclusa nel catalogo del suo stesso ministero.

Vincenzo Russo

(pubblicato su "Repubblica" edizione di Napoli del 19/01/2024)

19.1.24

Il verde resta ancora una "chimera" a Napoli: scongiuriamo il modello di riqualificazione del Parco Mascagna

E’ di poche ore fa la notizia che gli agronomi del Comune hanno segnalato come abbattibili i lecci anzianissimi che caratterizzano l'emiciclo centrale del Parco Mascagna solo mediante un analisi visiva di massima. Tutto questo nonostante i dubbi espressi anche da consiglieri comunali di maggioranza oltre che alla quasi totalità delle associazioni ecologiste.

Questo ennesimo atto ci riporta alla ragione del perché gli ambientalisti non plaudono alle modalità  adottate riguardo ai progetti sul verde presentati in pompa magna la settimana scorsa  dal Comune di Napoli

In questa occasione, Sindaco, Assessore del ramo e tecnici di riferimento, oltre ad alcuni consulenti, hanno parlato degli interventi relativi in particolare a due importanti parchi urbani, la Villa Comunale e il  Virgiliano con il Viale Virgilio,  finanziati con fondi della Città Metropolitana e PNRR, ed accennato ai prossimi interventi su una serie di parchi di scala di quartiere, compreso il Parco Mascagna, già purtroppo in fieri con quelle modalità constatate.

Tutte queste realtà saranno oggetto di approfondimenti dettagliati in articoli a seguire.  

Fa da contraltare all’entusiasmo dell’Amministrazione Comunale la perplessità degli ambientalisti in merito alle procedure utilizzate per la riqualificazione, in particolare di  due  luoghi così emblematici e particolarmente significativi per la loro valenza storica, artistico e paesaggistica.

Sono passati quasi tre anni dalle prime progettazioni dei due parchi comunali, durante i quali sarebbe stato possibile avviare un processo partecipato con i cittadini e con le associazioni per un confronto sulle scelte di materiali, sulle destinazioni d’uso, sulle essenze arboree ed arbustive. Soprattutto sarebbe stato importante confrontarsi sul ruolo a loro attribuito ed al fatto che oggi versano in uno stato di degrado e hanno perso moltissima massa vegetazionale, per orientare la loro riqualificazione alla luce delle emergenze connesse ai cambiamenti climatici. 

I progetti dei due grandi parchi e quelli minori sono invece stati maturati e condivisi unicamente all’interno degli uffici dell’Amministrazione Comunale e con un’interlocuzione con altri Enti pubblici sovraordinati solo in sede di conferenza dei servizi.

Dalle comunicazioni date solo ora in conferenza stampa si evince che l’integrazione dei fondi PNRR nel caso dei due grandi Parchi citati sono convogliate solo sulla costruzione di opere infrastrutturali viarie. Si disattende lo spirito dell’impiego dei fondi del PNRR che hanno promosso i progetti di forestazione urbana. Le aspettative sono state deluse per lo scarso peso dato al potenziamento della componente vegetazionale che viene mortificata dalle opere infrastrutturali di pavimentazione (addirittura per il Virgiliano nel caso del secondo lotto nemmeno drenante) di arredo, di recinzione ecc. molto spesso procedendo anche all’abbattimento di alberi senza che possano essere sostituiti da nuovi di pari dimensioni (grandi trapianti).

In particolare, per il caso del Virgiliano si evidenzia  un totale contrasto con l’approccio utilizzato per il primo lotto da finanziamento di Città Metropolitana, ancora in una breve fase di approvazione, che resta l’unica progettazione davvero coerente con i principi di pianificazione resiliente e rispettosi delle componenti naturali con recupero di biodiversità, principi  che invece dovrebbero caratterizzare come dicevamo in pieno un corretto utilizzo dei fondi del PNNR.

Per la scarsa volontà dimostrata purtroppo dall’Amministrazione di aprire a veri processi partecipativi che consentono un ascolto attivo e un confronto sulle scelte strategiche da intraprendere, il tema della “resilienza” che nella strategia del Green Deal sottesa al PNRR ha la stessa dignità della “ripresa” non esercita il suo ruolo di stimolo per un nuovo modello di sviluppo che esalti il ruolo strategico del verde e oggi. In particolare, ci riferiamo alla nostra reiterata richiesta di costituzione di una Consulta del Verde, spazio di confronto fondamentale anche per poter supportare l'Amministrazione stessa su scelte che non possono essere determinate esclusivamente dalla Soprintendenza. Una Consulta in grado anche di proporre il controllo e l’applicazione di soluzioni ambientali in linea con i principi DSHN (che non arrechino nessun danno all’ambiente), del Green New Deal e con i Criteri Ambientali Minimi (CAM), obbligatori per legge ed a maggior ragione per l’utilizzo dei fondi del PNRR.

In tal modo si  potrà aiutare l’Amministrazione Comunale a rispondere meglio alle sfide degli effetti dei cambiamenti climatici.

Questo va garantito non solo agendo su specifiche aree verdi, ma inquadrandolo in una compiuta pianificazione delle infrastrutture verdi che manca per la nostra Città e per effetto positivo per l’intera area Metropolitana, pensiamo ad esempio ai parchi regionali che attraversano la Città.

Occorre garantire la connessione di tutte le aree verdi, pubbliche e private, con la rete ecologica, favorendo la salvaguardia delle biodiversità, il contrasto all’inquinamento atmosferico, alle isole di calore e alle bombe d’acqua, senza tralasciare di esaltare le valenze estetiche e sociali del verde per la qualità della vita e la salute dei cittadini e dell’ambiente.

Un'interlocuzione costante oggi ancor più necessaria, alla luce della prossima variante al Piano Regolatore, che deve necessariamente integrarsi con il Piano del Verde.

Per completezza riportiamo un breve specchietto tratto da fonti del Comune riguardo ai costi e tempistiche degli interventi di riqualificazione citati.

Riqualificazione Villa Comunale

I LOTTO: 1.985.115,10 € finanziato con risorse economiche rese disponibili dal Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli. Durata lavori: 10 mesi.

II LOTTO: 2.000.000,00 € finanziato con risorse economiche rese disponibili dal Piano Sostegni al PNRR Grandi Città. Durata lavori: 14 mesi.

Parco Virgiliano e Viale Virgilio

I LOTTO: 1.700.000,00 € finanziato con risorse economiche rese disponibili dal Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli. Durata lavori: 12 mesi

II° LOTTO: 2.000.000,00 € finanziato con risorse economiche rese disponibili dal Piano Sostegni al PNRR Grandi Città. Durata lavori: 12 mesi.

Gli altri parchi oggetto di riqualificazione oltre i due comunali più citati nell’articolo

1)     Parco Mascagna: 450 mila euro (lavori iniziati il 21/11/2023)

2)      Parco Scampia: 1 milione di euro

3)      Parco Gaetano Errico: 500mila euro

4)      Parco San Gennaro: 600mila euro

5)      Parco De Filippo: 500mila euro

6)      Parco del Poggio: 700mila euro

(L’articolo trae spunto da riflessioni condivise con alcune associazioni che hanno da tempo costituito gli Stati Generali del Verde: Fiab NapoliCicloverdi - Legambiente Iride - Legambiente Parco Letterario Vesuvio - WWFNapoli - Gente Green Aps)

Guido Liotti